Timballo del sentiero dalla Valtellina alla Food Valley

Timballo del sentiero dalla Valtellina alla Food Valley. Quanti modi stiamo scoprendo di riutilizzare o reinventare qualche porzione di pizzoccheri alla valtellinese. La fantasia in cucina non deve mai mancare e se aggiungiamo altri ingredienti appartenenti al paniere delle tipicità enogastronomiche italiane, possiamo ottenere risultati finali molto golosi e di facile esecuzione.

In questo caso avevo del Culatello di Zibello, tesoro e prodotto simbolo dell’entroterra parmense che racconta di lavorazione artigianale, selezione delle materie prime e cura durante la stagionatura. La stessa cura che possiamo vedere nelle donne e uomini valtellinesi quando impastando semola e farina di grano saraceno con l’acqua, danno vita ad una delle paste fresche che racchiudono in sè i profumi delle montagne che dividono la provincia di Sondrio con il cantone svizzero dei Grigioni, di cui la città stessa un tempo ne era appartenente.

Ingredienti per 2 medie porzioni:

  • 1 confezione di Pizzoccheri GustoQui o circa 450 g di pizzoccheri alla valtellinese fatti in casa
  • 60 g di fette di Culatello di Zibello DOP
  • Parmigiano Reggiano 36 mesi grattugiato a fresco
  • Pangrattato di riso
  • Burro

Preparazione:

  • In una padella scaldare leggermente i pizzoccheri in modo che possano essere facilmente lavorabili, aggiungere un paio di cucchiai di pangrattato di riso e mescolare rapidamente.
  • Imburrare una teglia di 11 cm di diametro (o poco più, entro 15 cm) e spolverare con pangrattato di riso.
  • Stendere metà contenuto di pizzoccheri sul fondo della teglia in modo abbastanza regolare e livellare, sistemare le fette di culatello e spolverare il Parmigiano Reggiano in modo uniforme (2-3 cucchiai colmi sono sufficienti).
  • Ricoprire con l’altra metà di pizzoccheri e spolverare in superficie con un mix di pangrattato di riso e Parmigiano Reggiano (in quantità 1:1).
  • Gratinare in forno per 15-20 min a 180°C in modalità statica, dopo di che farlo intiepidire prima di servirlo, anche se è buono pure freddo.
  • Da accompagnare con un Ortrugo Colli Piacentini.
Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.