Tagliolini dolci al miele

Tagliolini dolci al miele, una dolce passeggiata di gusto immaginando di essere immersi nel verde delle Alpi.

La nostra tradizione gastronomica raccoglie tra i suoi ricettari anche ricette di pasta all’uovo da utilizzare per la preparazione di dolci.

Giocando sulle similitudini e sul “sembra ma non è”, ispirata da una ricetta della pasticcera Laura Rusconi di Maggia, paese all’interno dell’omonima valle tra le Alpi Ticinesi, una dolce coccola al profumo della flora alpina da gustare oppure da offrire, grazie all’utilizzo del miele da flora alpina dal sapore e profumi particolari.

Ingredienti per 6 porzioni:

  • 100 g di tagliolini all’uovo “paglia e fieno”
  • 1 cucchiaino abbondante di miele da flora alpina
  • 20 g di burro delle Alpi
  • 6 castagne sciroppate *
  • 10 g di burro delle alpi
  • 200 g di mascarpone cremoso
  • 2 cucchiai di miele da flora alpina

Procedimento:

  1. Lessare in acqua bollente non salata i tagliolini per circa 2-3 minuti, scolare e trasferire la pasta in una ciotola. Sciogliere in un pentolino 20 g di burro insieme ad un cucchiaio abbondante di miele e versare sulla pasta, mescolando bene in modo che i tagliolini siano ben conditi. Rivestire una teglia con carta forno e aiutandosi con un coppa pasta creare sulla placca stessa dei nidi di tagliolini. Cuocere in forno caldo a 200°C per 10-12 minuti.
  2. Nel frattempo in una ciotola mescolare con una frusta a mano il mascarpone con il miele, creando una crema ben amalgamata. Inserire la crema in un sac-a-poche e tenere in frigorifero fino a che non bisogna comporre il piatto.
  3. Frantumare le castagne sciroppate (scolate del loro liquido) e ripassarle per un paio di minuti in un pentolino con 10 g di burro.
  4. Per comporre il dolce, su un piatto creare un disco di crema al mascarpone e miele, adagiare sopra un nido di tagliolini e completare decorando con un cucchiaio di castagne al burro.
  5. Da accompagnare con un Fragolino Bianco (da vitigno Uva Americana Bianca Isabella, coltivato in Canton Ticino).

*Si possono utilizzare anche le castagne precotte, da sbollentare per pochi minuti, o quelle secche che andranno prima tenute in ammollo in acqua per una notte e poi lessate.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.