Minestra da orz

Minestra da orz alla Trentina, un piatto unico tipico molto preparato in Val di Non. Ottima calda nelle stagioni fredde e buona a temperatura ambiente anche in primavera.

È una ricetta con ingredienti molto semplici e versatile per aggiungerne altri in base alle stagioni in cui si prepara questa buonissima zuppa. Rispetto alla ricetta riportata in questo link, ho voluto arricchire la minestra da orz con legumi, frutta secca e un tocco di affumicatura tipico della tradizione gastronomica trentina grazie all’utilizzo della pancetta affumicata.

Cucina dell’antica Roma a Pompei – www.pixabay.it

A proposito di questo prodotto, sappiamo che la consumazione di carne suina parte da circa novemila anni e gli antichi Romani furono i primi a creare prodotti energetici che si potevano conservare a lungo come pancetta, lardo e strutto (soprattutto ad appannaggio dei soldati marcianti).

La pancetta affumicata della Macelleria Franco Anselmi, realtà della Val di Sole da più di 80 anni, è un prodotto che “si presenta squadrata, a strati rosso e bianco rosato dalla consistenza morbida che si scioglie in bocca grazie alla parte gelatinosa del grasso che conferisce anche un sapore dolce, aromatizzato, ma delicato”. Si ottiene dalla parte ventrale magra del suino che viene salata e aromatizzata naturalmente con pepe e altre spezie, lasciandola riposare e in seguito affumicare prima della stagionatura per ottenere un prodotto finito dai profumi e sapori unici.

Ingredienti per 4 persone:

  • 320 g di orzo perlato
  • 150 g di pancetta affumicata Franco Anselmi
  • 50 g di fagioli cannellini già lessati
  • 125 g di castagne secche
  • 2 patate di montagna del Trentino
  • 3 carote piccole
  • brodo vegetale
  • olio evo del Garda trentino q.b.
  • crackers al cumino

Preparazione:

  1. Mettere in ammollo l’orzo finché non si gonfieranno i chicchi e fare la stessa operazione con le castagne secche.
  2. In una pentola di terracotta larga e bassa far rosolare le carote e le patate mondate e tagliate a pezzetti con l’olio e la pancetta tagliata a listarelle.
  3. Aggiungere l’orzo e le castagne scolate, tostare e aggiungere poco a poco il brodo caldo per la cottura a fuoco dolce.
  4. Dieci minuti prima di spegnere il fuoco aggiungere i fagioli e finire la cottura, mantenendo la zuppa brodosa.
  5. Seervire calda o a tiepida accompagnando con i crackers al cumino.

In collaborazione con:

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.