Aria di campagna emiliana, erbette di campo e piatti poveri ma nutrienti

La giornata di ieri ha reso possibile il realizzarsi di un’idea… percorrere brevi tratti della Via Francigena, il noto percorso che da Canterburyportava fino a Roma. Anche Fiorenzuola d’Arda è “attraversata” dalla Via Francigena e con il bel pomeriggio che si era presentato ho voluto farmi questa bella passeggiata in mezzo alla campagna emiliana. Sole, aria e profumi d’autunno hanno inebriato il mio spirito e riportata indietro di diversi anni quando le stesse camminate le facevo nella campagna pontina.

Fiume Arda
Flowers
Passeggiata lungo il fiume

 

Vita di campagna… non esistono le domeniche

 

Spazio
Luce
Residente del posto
Introspettiva

Con questa passeggiata ne ho approfittato per raccogliere le mie amatissime erbe di campo che un po’ mi mancano… i sapori di casa, quelli autentici, con alimenti regalatici dalla Natura che non possono far altro che farci bene… Ho fatto incetta di cicoria selvatica, tarassaco e malva… un ottimo bottino, per disintossicare il proprio organismo.

La malva l’ho messa ad essiccare per potermi degustare un ottimo decotto salutare, mentre la cicoria e il tarassaco le ho lessate per poterle poi cucinare.

Per pranzo mi son fatta un buon piatto di cicoria e fagioli rossi, ottimo piatto unico e facile da preparare.

  • Mettere la cicoria lessata in padella con un po’ d’olio evo e un pochino di sale iodato.
  • Aggiungere una confezione di fagioli rossi già lessati, insieme a del concentrato di pomodoro e q cucchiaino di dado vegetale autoprodotto.
  • Con un bicchiere d’acqua lasciar cuocere quel tanto che serve perchè la pietanza prenda sapore e servire.

Per la cena invece ho utilizzato il tarassaco per fare una frittata vegan con la farina di ceci, facile facile.

  • Tritare le foglie di tarassaco lessate e ripassarle in padella con un pochino di olio evo e sale iodato.
  • Nel frattempo preparare la frittata sbattendo in una ciotola 5 cucchiai colmi di farina di ceci con acqua fredda q.b. per rendere la farina semidensa, un pochino di sale e un cucchiaio di panna di soia.
  • Incorporare il tarassaco nella pastella, amalgamare bene e metere il composto nella padella per la cottura.

Buon appetito ricordandosi sempre che Madre Natura non ci fa mancare nulla… sta a Noi saper riconoscere i frutti che ogni giorno ci dona.

Print Friendly, PDF & Email

0 pensieri su “Aria di campagna emiliana, erbette di campo e piatti poveri ma nutrienti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.