Panuovo…Io non mangio da solo

Questa ricetta sarà una delle diverse eccezioni… Le ricette regionali con gli ingredienti tutti al posto giusto (o quasi)… oggi è per una buonissima e seria causa.
Leggete qui.

http://iononmangiodasolo.blogspot.it/

Il post di oggi richiama una ricetta “letteraria”, perchè è una pietanza amata molto dal poeta Gabriele D’Annunzio, una ricetta semplice ma sostanziosa con pochissimi ingredienti… ingredienti che si trovavano anche nelle case dei contadini meno abbienti, quando c’era qualcosa da poter mettere in tavola…una fetta di pane casareccio di qualche giorno (perchè è peccato buttare il cibo) e un rinforzante, delizioso e nutriente. E’ il pane passato nell’uovo e cotto in padella con olio d’oliva.

 Il protocollo:

  • 3 fette di pane casareccio raffermo;
  • 1 uovo;
  • 2 cucchiai di latte;
  • 2 cucchiai d’olio evo;
  • sale q.b.

La procedura:

  1.  In una ciotola sbattere l’uovo con il latte e un pizzico di sale.
  2. Immergere nell’uovo le fette di pane.
  3. Cuocerle per pochi minuti in padella con l’olio da una parte all’altra finchè non dorano bene e lasciarle asciugare su carta assorbente.
  4. Servirle calde.

N.B. Nel caso di noi intolleranti:

  • per la scelta del pane va bene qualsiasi tipo di pane (non quello di segale affettato sottilmente e leggermente umido);
  • al posto dell’uovo si può usare la farina di ceci (ho preparato la ricetta anche con questa ed è buonissima);
  • al posto del latte vaccino si può usare quello vegetale oppure poca panna di soia/crema di riso.
Print Friendly, PDF & Email

0 pensieri su “Panuovo…Io non mangio da solo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.