Le sfogliatelle di Nonna Maria

Le sfogliatelle di Nonna Maria… il Carnevale in provincia di Salerno.

Il Carnevale in Campania non ha quella grande visibilità come quelli più famosi di Venezia, Viareggio o Putignano ma questo non significa che non sia sentito, anzi…

Innanzitutto una delle maschere nazionali tra le più importanti che ha origine in questa regione è Pulcinella, Pulecenella in dialetto, ispirata al personaggio Puccio d’Aniello, un contadino di Acerra del ‘600 con caratteristiche facciali particolari che ritroviamo nella maschera, anche se è probabile che la sua origine possa rintracciarsi al IV secolo a.C. nel personaggio di Maccus o Kikirrus.

In seconda cosa, nella tradizione gastronomica campana possiamo trovare molte ricette che si preparano nel periodo di Carnevale. Avendo io una parte di origini campane, ho chiesto a mia nonna paterna, originaria della provincia di Salerno, una ricetta tipica del periodo e delle sue tradizioni e mi ha dettato a voce e soprattutto a memoria (per inciso, 91 anni di cui più di 40 da nonna) questa versione alleggerita di frappe la quale era il dolce non solo di Carnevale ma anche preparato per la festa patronale di San Pietro. Le donne preparavano queste “sfogliatelle”, chiamate così perché derivanti da una sfoglia all’uovo, e le vendevano durante la festa in paese. A mio nonno piacevano spolverate con lo zucchero semolato ma mia nonna consiglia caldamente lo zucchero a velo.

Ingredienti:

  • 100 g di farina (io ho utilizzato farina di farro spelta bianca)
  • 1 uovo extrafresco
  • ½ cucchiaino di bicarbonato di sodio Solvay
  • un pizzico di sale integrale fino
  • scorza di arancia o limone (non trattati) grattugiata
  • zucchero a velo di canna per decorare
  • olio per friggere (per queste quantità sono sufficienti 500 mL)

Preparazione:

  1. Su una spianatoia versare la farina a fontana setacciata insieme al bicarbonato, creare un cratere con la forchetta e inserire l’uovo, il sale e la scorza dell’agrume ben lavato.
  2. Con la forchetta sbattere l’uovo e poi piano piano iniziare a incorporare la farina, come quando si fa la sfoglia per le tagliatelle, e poi proseguire a mano ad impastare fino ad ottenere un impasto sodo e ben lavorabile.
  3. Non necessitando di riposo, con un mattarello stendere l’impasto fino ad ottenere una sfoglia abbastanza sottile. Spolverare sulla superficie un pochino di farina e poi arrotolare come per ottenere le tagliatelle, tagliando con una rotella dentellata a una larghezza si circa 1 cm.
  4. Srotolare le strisce e creare una forma a piacere (io una sorta di fiore multi petalo).
  5. Portare a temperatura l’olio per friggere in una piccola saltapasta di alluminio e friggere le sfogliatelle fino a doratura, far asciugare su carta assorbente e servirle tiepide spolverate con zucchero a velo.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.