Analisi sensoriale del miele

Analisi sensoriale del miele, una breve panoramica su come si procede per analizzare le caratteristiche che rendono il miele quell’alimento unico nel suo genere.

Quando parliamo di analisi sensoriale, intendiamo tutto l’insieme di quelle procedure che possono garantire la riproducibilità delle informazioni inerenti all’ingrediente/alimento analizzato, destinate ad essere utilizzate in ambito tecnico e di controllo ufficiale.

Per quanto riguarda il miele, l’analisi sensoriale è importante per l’individuazione, il più delle volte, dell’unifloralità (acacia, castagno, tiglio, etc) nonché l’identificazione e quantificazione di quei difetti che se potrebbero influire sul prodotto finito (fermentazione, impurità, odori e sapori estranei).

L’importanza di questa tipologia di analisi è altresì utile negli iter indispensabili per la denominazione degli standard di prodotto o nella verifica delle denominazioni botaniche o di altre tipologie (DOP e IGP oppure standard di prodotti aziendali).

Le fasi dell’analisi sensoriale

L’analisi sensoriale passa per diverse fasi che aiutano la caratterizzazione del prodotto da “indagare”, in questo caso il miele. Non entrando nel merito di tutto il processo dell’analisi sensoriale, ci occuperemo esclusivamente delle valutazioni descrittive sensoriali.

Questo step è importante quando si studia la caratterizzazione dei mieli di tipo “uniflorali”, verificando l’esatta rispondenza del profilo botanico caratteristico di derivazione del miele ovvero una conferma della denominazione dichiarata.

Si parte con i descrittori visivi e nello specifico si valutano:

  • lo stato fisico che può essere
    • liquido, dove gli zuccheri sono in soluzione e quindi non è presente del deposito
    • cristallizzato, dove gli zuccheri precipitano formando dei cristalli (più o meno completo) ma non inficia assolutamente sulla qualità del prodotto finito
  • il colore, importante per la caratterizzazione botanica e si basa sull’intensità(grado di luminosità del colore) che può virare dal molto chiaro al molto scuro; nei mieli cristallizzati, il colore varia in funzione del tipo di cristallizzazione quindi da bianco a nero attraverso le tonalità del beige
  • l’aspetto, legato alle fasi di lavorazione, conservazione e presentazione ed anche alla natura intrinseca del prodotto

In fase di degustazione, possono essere presi in considerazione alcuni o tutti gli elementi elencati. In particolare vengono valutati la limpidezza e la viscosità nei mieli liquidi, la coesione, dimensione, forma e distribuzione dei cristalli nei mieli appunto cristallizzati, la presenza di eventuali impurità, bolle d’aria e schiuma derivanti da artefatti durante la lavorazione o l’invasamento del prodotto finito. Anche i difetti sono importanti nella valutazione visiva del miele e quindi se il campione analizzato presenta magari una cristallizzazione incompleta o una separazione di fasi o delle marmorizzazioni (dette anche macchie di retrazione) a causa di un non bilanciamento delle concentrazioni di glucosio o per la maggiore presenza di acqua, oppure per problemi di temperatura di conservazione del prodotto non idonea.

Per quel che concerne invece i descrittori olfattivi, l’odore viene valutato in base all’intensità, quindi da assente a forte, e la descrizione si basa sulle sensazioni olfattive percepite per via orto- e retro nasale raffrontate a degli standard di riferimento su cui è necessario basarsi, indicati nella seguente tabella.

Parlando invece delle sensazioni gustative, dolce-acido-amaro sono i descrittori che vengono valutati sulla base di una scala di intensità massima percepibile nel miele. I gusti umami e salato non vengono annoverati sulla scheda di valutazione ma qualora nel campione di miele il panel ne percepisse il sentore, tali gusti vengono comunque segnalati in nota. Durante la degustazione in fase descrittiva, possono ancora essere segnalate altre sensazioni definite chemestetiche. I mieli cristallini, per esempio, all’assaggio possono sembrare rinfrescanti e ciò non è dovuto alla temperatura dei prodotti ma alla solubilità dei cristalli di zucchero al loro interno; alcuni mieli allo stato liquido invece potrebbero essere percepiti come piccanti se vengono deglutiti senza essere sciolti in bocca.

Tra i difetti rilevabili, il più intenso è sicuramente la sensazione di sapore metallico a causa della presenza di tracce di ferro o altri metalli ceduti al miele durante la sua lavorazione da parte di attrezzature o contenitori non idonei alla conservazione.

Da non sottovalutare durante l’analisi sensoriale del miele (e sempre in fase degustativa) altre due caratteristiche ovvero:

  • la persistenza, quindi la durata delle sensazioni dopo aver deglutito il prodotto che può essere breve (entro 30 secondi) oppure lunga (oltre i 5 minuti)
  • il retrogusto, ossia la permanenza di alcune sensazioni dopo la deglutizione che potrebbero anche essere differenti a quelle inizialmente percepite.

Il miele può essere valutato, in sede di analisi sensoriale, anche secondo “caratteristiche tattili” che principalmente vengono avvertite in bocca. Un miele può essere quindi descritto anche secondo questi parametri:

  • viscosità, valutabile da molto fluido a molto viscoso
  • consistenza della massa, indicabile con i seguenti aggettivi
    • deliquescente
    • morbida
    • pastosa
    • tenace
    • compatta
  • solubilità, quindi la tendenza a sciogliersi più o meno facilmente
  • astringenza

Un discorso a parte va fatto per i mieli cristallizzati su quanto concerne la consistenza della massa, perché in questo caso vengono valutati due peculiarità dei cristalli di zucchero, ovvero le dimensioni (fini, medi, grossi) e la forma (taglienti, sabbiosi, rotondeggianti).

Per concludere, l’analisi sensoriale del miele deve essere sostenuta da persone che abbiano conoscenze di fisiologia, psicologia e metologia sensoriale, addestrate a riconoscere certe caratteristiche del miele e a differenziare prodotti simili, ma che abbiano anche quelle conoscenze del prodotto indispensabili per produrre una valutazione integrata di tutte le caratteristiche percepite e un’ampia esperienza sensoriale, necessaria per poter memorizzare stabilmente gli standard di riferimento per un giudizio di rispondenza al tipo. Dei veri esperti insomma, ma che non abbiano la presunzione di poter esprimere, con un solo assaggio, un giudizio sensoriale di validità assoluta.

Bibliografia essenziale

Società Italiana di Scienze Sensoriali “Atlante sensoriale dei prodotti alimentari”, Ed. Tecniche Nuove, Milano 2012

Persano Oddo L., Piana L., Sabatini A. G. (a cura di) “Conoscere il miele. Guida all’analisi sensoriale”, Ed. Avenue Media, Bologna 1995

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.