Crisi d’identità… una frolla che diventa un cupcake

Ospiti a casa e volevo offrire un dolcino per il caffè del pomeriggio. Avevo intenzione di fare delle crostatine con una frolla di farina di riso (riadattando la ricetta di Giovanni PDG Gastaldi http://blog.giallozafferano.it/peccatodigola/crostatine-allolio-con-frutta-ubriaca/  che prevedeva la farina di grano) per riempirle con una deliziosa crema di cioccolata ma… mi sa che l’impasto non aveva afferrato bene il concetto di quel che sarebbe dovuto essere e in forno… mi è diventato un qualcos’altro… e vista la forma… mi è bastata una siringa da pasticcere e la crema di cioccolata di cui sopra… ho fatto i miei primi cupcake!!!
Gli ospiti hanno gradito… e pure io!

Il protocollo:

  • 250 g di farina di riso (io Easyglut Pedon);
  • 100 g di Maizena;
  • 1 cucchiaino di farina di carrubbe;
  • 2 uova;
  • 130 di olio di soia;
  • 25 g di burro di soia;
  • 130 g di fruttosio;
  • 5 g di lievito;
  • un pizzico di sale;
  • una tavoletta di cioccolato fondente;
  • una tavoletta di cioccolato bianco;
  • 200 mL di panna vegetale;
  • 1 bustina di Pannafix
  • 1 cucchiaino di agar-agar;
  • palline di zucchero colorate per decorare.

La procedura:

  1. Con lo sbattitore elettrico emulsionare in una ciotola le uova con l’olio, il burro ammorbidito e la farina di carrubbe.
  2. Aggiungere la farina di riso, la Maizena e lo zucchero ed impastare.
  3. Ungerecon l’olio di soia 11 pirottini (io ho riciclato i contenitori della purea di frutta che si vende al supermercato), prendere parti di impasto e livellarli a metà contenitore.
  4. Infornare a 180° (a forno già scaldatao) per circa 20 min e poi farli raffreddare nei loro contenitori.
  5. Nel frattempo si fa sciogliere a bagnomaria le due tavolette di cioccolata con la panna e l’agar-agar e porre la crema in frigorifero per 15 min.
  6. Togliere dal frigo la crema, aggiungere la bustina di Pannafix e sbatterla finchè non diventa della consistenza giusta.
  7. Sformare i cupcake, riempire una siringa da pasticcere con la crema ottenuta e decorare la superficie dei dolcetti nel classico modo e aggiungere alla fine le palline di zucchero colorate.
  8. Buona merenda a tutti e mi raccomando non esagerare, la crema è calorica ma un dolcino ogni tanto la nutrizionista nella dieta lo mette!!!

Con questa ricetta partecipo al contest I love Cupcake!

Print Friendly, PDF & Email

0 pensieri su “Crisi d’identità… una frolla che diventa un cupcake

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.